Page 6 - OFFICIAL AS ROMA MATCH PROGRAM
P. 6

                6
AS ROMA V SS LAZIO
Intervista
  CESAR
Gomez: “Sono rimasto innamorato di Roma e della Roma, nonostante le cose non siano andate. La tifoseria giallorossa è unica. Quando entri a far parte di questa famiglia, non ne esci più.
I Comunque, mai avuto un autosalone e non ci fu alcun equivoco di mercato sul mio acquisto”
l derby è stata l’ultima partita di Tiziano Riccardi e prese il rosso diretto. Poteva es- che ha giocato con la maglia sere un segnale per vincere, ma della Roma. Ed è stata an- poi ci disunimmo e uscì la quali- che l’unica che disputò dal tà dei loro attaccanti. Segnarono primo minuto di gioco, nelle tutti i gol nel secondo tempo. Vin-
matchprogram
Ave
      sue tre apparizioni totali in gial- lorosso. Corre la stagione 1997- 1998. Quella del primo Zeman, del quarto posto finale, ma an- che dei quattro derby persi. Ce- sar Gomez ebbe modo di vivere in prima persona il primo di questi confronti stregati. Lui era arriva- to pochi mesi prima dal Tenerife e di mestiere faceva il difensore. Aveva 29 anni, doveva essere l’e- lemento di esperienza che avreb- be dovuto far coppia con Aldair al centro della retroguardia, dato anche l’investimento di 6 miliar- di di lire non proprio indifferente. Ma poi il boemo gli preferisce Fa- bio Petruzzi, restituendo al roma- no un ruolo di primo piano. Alla settima giornata è in programma Roma-Lazio. Per uno strano caso del destino, i due centrali di dife- sa titolari non possono prendere parte al match. Aldair e Petruzzi sono out. Tocca a Gomez e Cri-
stian Servidei, quest’ultimo altro nuovo arrivato da Lecce e tutto da verificare ad alti livello. I due formano un assetto inedito difen- sivo inedito.
Ma le cose non andarono per il verso giusto.
“Sul campo proprio no. E pensa- re che non iniziammo nemmeno tanto male la partita. Loro restaro- no in inferiorità numerica nel pri- mo tempo dopo una decina di mi- nuti. Favalli fece fallo su Tommasi
sero loro 3-1, finì così”.
Se ci ripensa a distanza di 23 anni, quasi?
“Non ho ricordi tutti negativi di quella serata, anzi. L’atmosfera di questa partita nello stadio è uni- ca. Mai vissuta una cosa del ge- nere in carriera, in vita mia. Una tifoseria, quella della Roma, uni- ca. Quando entri a far parte del- la famiglia romanista, resti giallo- rosso per tutta la vita. Anche se nel mio caso non andò tutto co- me avrei immaginato”.
Cosa non funzionò?
“Dopo quel derby non giocai più. E non do colpe specifiche a qual- cuno, sono cose che nel calcio possono capitare. Zeman fece le sue scelte e le rispettai. E io nutro tuttora stima per il tecnico boemo. È stato uno dei migliori incontra- ti in carriera. Mi fece capire che
 
















































































   4   5   6   7   8