Page 7 - OFFICIAL AS ROMA MATCH PROGRAM
P. 7

      nel calcio non si è mai arrivati e si è sempre in tempo per impa- rare, anche a 29 anni quando fui preso. C’è pure un altro fatto da non sottovalutare...”.
Ovvero?
“Il fatto che allora i giocatori spa- gnoli in Italia facessero tutti mol- ta fatica ad ambientarsi. Non era tanto una questione di abitudini quotidiane, che sono molto simili alle nostre, quanto ad una difficol- tà di adattamento alle metodolo-
gie di allenamento italiane, molto più intense rispetto a quelle spa- gnole, e pure per una questione tattica. Con il tempo, poi, e l’evo- luzione del calcio spagnolo, que- ste difficoltà sono venute meno per i giocatori che vanno in altre
Gomez in alcune imma- gini della stagione 1997- 1998, al centro durante il derby del 1997
leghe. Ma all’epoca era diverso, non a caso quell’anno nella rosa della Roma c’era anche Ivan Hel- guera e pure lui non andò bene. Parliamo di uno che nel Real Ma- drid dei Galacticos negli anni suc- cessivi avrebbe giocato sempre e vinto tutto”.
Torniamo a lei, nonostante il con- tratto pluriennale che firmò, non ebbe altre possibilità di impiego sul terreno di gioco. Ma restò sempre nei ranghi della rosa. “Esattamente. Infatti il mio pro- blema era più con il presidente Sensi e la società che c’era allo- ra, piuttosto che con gli allenato- ri che si avvicendarono. Per di- re, Capello mi parlò quando arrivò nel 1999, tanto che comparii pu- re sulla foto ufficiale della stagio- ne 1999-2000, ma pure lui fece altre scelte”.
Che problema ebbe con il club?
“Nell’estate del 1998 ci furono al- cuni discorsi per tentare di torna- re a giocare in Spagna, Zeman pure mi consigliò di trovare una
 matchprogram
                 Intervista
   AS ROMA V SS LAZIO
7
 





















































































   5   6   7   8   9